Ho accettato chi ha deciso di uscire dalla mia vita. Ho accettato chi ha deciso di farlo senza una spiegazione, da un momento all’altro: avrà avuto le sue buone ragioni, anche se io non le ho capite. Mi ha fatto male, ma ho accettato. Paradossalmente non ho nemmeno chiesto spiegazioni perché penso che se qualcuno sparisce nel nulla migra direttamente in  quella famosa parte del torto che non apre le porte a implorazioni, ricerche e speranze. Ho accettato, mi sono messo da parte. Ho cancellato. Ho portato i miei occhi altrove. Oggi non ho più voglia di parlare. Oggi so che il tempo è prezioso. Oggi so che il cuore merita rispetto. Siamo imperfetti, tutti.